Why deny the artistic roots? Perché negare le radici artistiche ?

!

(Testo in Italiano segue)

Why deny the artistic roots?

“For many years, art historians and critics have resisted the idea that spirituality and Theosophy in particular were the source of inspiration and influenced the birth and development of many artists. “The fact is embarrassing,” the famous British art critic Waldemar Januszczak wrote in 2010. He was mainly referring to Theosophy, but also mentioned Spiritualism: ‘If there’s one thing you don’t want it’s for your die-hard modernist to have been a member of an occult cult because that takes art into Dan Brown territory and no serious student of art history wants anything to do with it’ (Januszczak 2010).”

Of course, Dan Brown is undoubtedly embarrassing, there is no doubt about it, and then we could add to the list of embarrassment the drifts and deviances of many freethinkers and occultists, who started well towards a true asceticism and spiritual elevation, then ended up, freeing themselves from the common rules also in terms of sex, libertines, on the opposite side, along with pedophile Popes and Nazi hierarchs below, in the hottest circles! Think of sexual magic and you will understand that embarrassment is de rigueur and has nothing to do with spirituality. Not all salmon reach the alpine pond. The current drags down with force, the ascent is slippery. Once the religious inspiration is gone, it seems as if there is no more spirituality to speak of.

On closer inspection, it is also understandable that the world should turn away from such an uncomfortable truth; after all, when one enters the realm of spirituality, things become uncomfortable and ambiguous, not to say embarrassing or conflicting.

And then there is the misunderstanding of ‘occult’, ‘esoteric’ or ‘iniquitous’. Entering a secret organisation the secret of its membership is obligatory and therefore … but why this secret? I believe there is a basic misunderstanding that consists in the fact that it is not possible for the human mind to represent the divine or the absolute, precisely because the absolute is without end and the mind is finite and limited. And then during the dark ages of the Inquisition it was enough to have a different thought from the dominant one … This has meant that at certain times in history because of the persecutions that took place for mere venal purposes, or the excommunications that cleared the enemies of the church, many of those who thought independently preferred anonymity and secrecy in order to talk about things such as alchemy, freemasonry, astrology … but then initiatory rites or comparative studies of religion, from time immemorial take place in private or in restricted groups and those who did not attend are not allowed in certain areas. Only when one knows, one knows, and knowing that one does not know is an achievement in itself. The phenomenon of the constant splitting and deviation of groups is a matter of sociology, but perhaps it has its roots in the fact that if a small group works for a long time, the growth of groups of people inevitably leads to personalism, power games that are incompatible with the search for truth, indeed they are precisely the result of that egocentrism, selfishness that should be transcended, but man does not yet seem to have arrived at a lasting solution.

So it seems almost right to keep quiet about Mondrian’s membership of the Theosophical Society or that Hilma af Klint chose to divulge his work only twenty years after his death, considering the world “not yet ready”. The case of Louis Pericles fits perfectly into this logic, Pericles is someone who by his own will chose to withdraw from the world after his worldly successes, driven by a desire for privacy, in this case it is the world that no longer interests the man, a matter of viewpoints, who knows …

What is certain is that in the past the East does not seem to have suffered from this clear-cut separation and this kind of shame towards mysticism. Let us think of Zen, Buddhism, Taoism, Hinduism, which when studied at our latitudes seem to be “esoteric”, but in their respective places of origin are (or were?) the prevailing philosophy… is this therefore just a distortion of today’s secular and materialistic western culture? The East, for its part, has also lost its roots, just think that it was the Theosophical Society that brought the bell tower back to the centre of the village, that is, to make the Indians proud of their sacred culture. There are those who say that it was to give a sweetener to the Indians and that the Theosophical Society was subsidised by His Majesty … a bit like the Romans who respected the cult of those who paid taxes? A heavy accusation, perhaps the Theosophists were trying to mitigate the conflict? The accusations are French, we will have to see if they were not just skirmishes between conservative Gnostics and emerging Theosophists who basically say the same thing, but the Theosophists at that time were the novelty and their fur was shining (only to be lost in the great sea, like everyone else today). The detractor of Theosophy, René Guénon wanted to reconsider colonialism in the form of association and not domination. He was not on the Paris payroll for colonial ambassadorships (perhaps he had tried and was envious of those who had succeeded like Mme Blavatzky and Mrs Besant?). Was French policy so different from English colonial policy? Aurobindo set up his Ashram in Pondicherry, in a French protectorate! After being imprisoned a second time for his rebellions against the English, he took refuge in Pondicherry… but he did not rebel against the French, who were also colonisers. Maybe he was fed up with the beatings and got along well with the new master … the years pass also for the Gurus!

My conclusion is that we are therefore faced with historical time lags, fashion phenomena and cultural changes which raise and lower the spirit according to the prevailing political moods … you were not made to live like brutes … but man is not made of the spirit alone !

____________________________________________________________________________________________________________________________

“Per molti anni gli storici e i critici d’arte hanno resistito all’idea che la spiritualità e la Teosofia in particolare siano state la fonte di ispirazione e abbiano influenzato la nascita e lo sviluppo di molti artisti. “Il fatto è imbarazzante”, ha scritto nel 2010 il famoso critico d’arte britannico Waldemar Januszczak. Egli si riferiva principalmente alla Teosofia, ma menzionava anche lo Spiritualismo: “Se c’è una cosa che non vuoi è che il tuo irriducibile modernista sia stato un membro di un culto occulto perché questo porta l’arte nel territorio di Dan Brown e nessuno studente serio di storia dell’arte vuole averci a che fare” (Januszczak 2010).” (fonte)

Certo, Dan Brown è indubbiamente imbarazzante, non si discute, e poi si potrebbe aggiungere alla lista dell’imbarazzo le derive e devianze di molti liberi pensatori e occultisti, che partiti bene verso una vera ascesi e elevazione spirituale, sono poi finiti, liberandosi dalle regole comuni anche in fatto di sesso, libertini, sul versante opposto, insieme a Papi pedofili e gerarchi nazisti in basso, nei gironi più caldi ! Pensiamo alla magia sessuale e capiremo che l’imbarazzo è di rigore e non ha niente a che fare con la spiritualità. Non tutti i salmoni arrivano al laghetto alpino. La corrente trascina in basso con forza, la salita è sdrucciolevole. Finita l’ispirazione religiosa, sembra che di spirito non se ne possa più parlare.

A ben vedere è anche comprensibile che il mondo si discosti da una verità così scomoda, in fondo da sempre quando si entra nel regno della spiritualità le cose diventano scomode e ambigue per non dire imbarazzanti o conflittuali.

E poi c’è da menzionare il malinteso sull’ “occulto”, “esoterico” o “inizatico”. Entrando in un’organizzazione segreta il segreto della sua appartenenza è obbligatorio e quindi … ma perché questo segreto ? Io credo che ci sia un malinteso di fondo che consiste nel fatto che non è possibile per la mente umana rappresentarsi il divino o l’assoluto proprio perché senza fine l’assoluto e finita e limitata la mente. E poi durante le epoche buie dell’inquisizione bastava avere un pensiero diverso da quello dominante … Questo ha fatto sì che in certi momenti storici a causa delle persecuzioni che avvenivano per meri scopi venali, o le scomuniche che sgominavano i nemici della chiesa, molti di coloro che avevano un pensiero indipendente abbiano preferito l’anonimato e il segreto per parlare di cose come l’alchimia, la massoneria, l’astrologia … ma poi i riti iniziatici o gli studi comparati della religione, da che mondo è mondo avvengono in privato o in gremii ristretti e coloro che non hanno presenziato non sono ammessi in determinati ambiti. Solo quando si sa, si sa, e sapere di non sapere è già una conquista in sé. Il fenomeno delle continue scissioni e devianze dei gruppi è materia sociologica certa, ma forse ha radice nel fatto che se piccolo un gruppo funziona a lungo, la crescita dei gruppi di persone porta inevitabilmente a personalismi, giochi di potere che sono incompatibili con la ricerca della verità, anzi sono proprio frutto di quell’egocentrismo, egoismo che andrebbe trasceso, ma tant’è l’uomo non sembra ancora arrivato ad una soluzione duratura.

Allora sembra quasi giusto tacere l’appartenenza di Mondrian alla Società Teosofica o che Hilma af Klint abbia scelto di divulgare la sua opera solo vent’anni dopo la sua morte considerando il mondo “non ancora pronto”. Il caso di Luigi Pericle rientra perfettamente in questa logica, Pericle è uno che per la sua volontà sceglie di ritirarsi dal mondo dopo i successi mondani, spinto dal desiderio di privacy, in questo caso è il mondo a non interessare più l’uomo, questione di punti di vista, chi può dirlo …

Certo è che l’oriente per il passato non sembra aver sofferto di questa separazione netta e questa specie di vergogna nei confronti del misticismo. Pensiamo allo Zen, al Buddhismo, al Taoismo, l’induismo che studiati alle nostre latitudini sembrano “esoterici”, ma nei loro rispettivi luoghi di origine sono (o erano?) la filosofia imperante … è quindi solo una distorsione della cultura occidentale laica e materialista odierna ? Anche l’oriente dal canto suo ha perso le sue radici, basti pensare che è stata al Società Teosofica a riportare il campanile al centro del villaggio, cioè rendere gli indiani fieri della loro cultura sacra. C’è chi dice che fosse per dare un contentino agli indiani e che la Società Teosofica fosse sovvenzionata da sua maestà … un po’ come i Romani che rispettavano il culto di chi pagava le tasse ? Accusa pesante, forse i Teosofi cercavano di mitigare il conflitto ? Le accuse sono francesi, andremo a verificare se non fossero poi solo scaramucce fra Gnostici conservatori e Teosofi emergenti che in fondo dicono la stessa cosa, ma i Teosofi in quel momento erano la novità e luccicava loro il pelo (per poi perdersi nel grande mare, come tutti, oggi). Il detrattore della Teosofia, René Guénon voleva riconsiderare il colonialismo in forma di associazione e non di dominazione. Non era sul libro paga di Parigi per ambascerie coloniali (magari ci aveva tentato ed era invidioso di chi ci era riuscito come Mme Blavatzky e Mrs Besant ?). La politica francese era così diversa da quella inglese in fatto di colonie ? Aurobindo è a Pondicherry che instaura il suo Ashram, in un protettorato francese ! Dopo essere stato imprigionato una seconda volta per le ribellioni contro gli inglesi si rifugia a Pondicherry … ma non si ribella ai Francesi, anch’essi colonizzatori. Forse era stufo di botte e si è fatto andare bene il nuovo padrone  … gli anni passano anche per i Guru !

La mia conclusione è che siamo quindi di fronte scarti storici temporali, a fenomeni di moda e a mutamenti culturali che innalzano e fanno sprofondare lo spirito a seconda degli umori politici imperanti … fatti non foste per viver come bruti … ma l’uomo non è fatto di solo spirito, ahimè !

Leave a Reply to abcsocial Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s